tram e trasporto pubblico a Roma

La rete filoviaria

Depositi e officine

 

All'apertura dell'esercizio filoviario è utilizzata una piccola rimessa in via Cardinal de Luca, facente formalmente parte della rimessa Flaminio B, l'iniziale deposito di tram a cavalli ai tempi della SRTO, raccordata con un bifilare all'impianto della linea 138 sul lungotevere.


La rimessa in v. Cardinal de Luca.

Dal 7 aprile 1937 entra in servizio la rimessa chiamata Eritrea, dal nome dell'adiacente viale Eritrea; la rimessa è in realtà costituita, più che altro, da un capannone in lamiera recuperato dal cantiere binari di piazza Caprera. La rimessa occupa esattamente l'area della successiva chiesa di Santa Emerenziana e alla stessa si accede dalla via Lucrino; su questa è impiantato un doppio bifilare, con diramazione per la rimessa, che da un lato si raccorda alla linea 105 a piazza Acilia e dall'altro si prolunga per il viale Eritrea raccordandosi all'impianto della linea 106 in piazzale Annibaliano. La rimessa Eritrea sarà parzialmente smantellata all'entrata in servizio del deposito della Lega Lombarda e del tutto eliminata nell’immediato dopoguerra.


La rimessa Eritrea; a destra nella parte posteriore.

Il 31 marzo 1939 entra in funzione la parte filoviaria del deposito Lega Lombarda, aperto per l'esercizio autobus il 28 gennaio 1938, che sarà denominato filorimessa Lega Lombarda, gloria del regime per l'efficienza che in seguito dimostrerà.


La rimessa Lega Lombarda.

Il 21 ottobre 1940 è inaugurato il deposito Monte Sacro, posto nei pressi di piazza Menenio Agrippa, collegato alla rete in corso Sempione. Anche la rimessa Trionfale, posta tra via Angelo Emo e via Cipro, collegata alla linea per Monte Mario in piazza degli Eroi, è stata utilizzata per il ricovero di filobus.


Filobus nella rimessa Trionfale.

La grande manutenzione e le revisioni del materiale rotabile sono sempre state fatte per i filobus, insieme ai tram e agli autobus, nelle officine centrali di via Prenestina che, pur non essendo fisicamente connesse alla rete filoviaria, disponevano tuttavia di una estesa rete interna di bifilare.

Immagini addizionali


Home Page presentazione rete filoviaria  

rev. B 11/04/18