tram e trasporto pubblico a Roma

I rotabili della ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, 1932-1976

 

Tutto il materiale di prima dotazione della ferrovia Roma-Viterbo della SRFN è stato costruito nel 1931 dalle Officine Meccaniche Della Stanga, con equipaggiamento elettrico TIBB; la dotazione originaria consta di:

Elettromotrici ECD 21-30

I treni viaggiatori, fino agli anni '80, sono effettuati per lo più dalle dieci elettromotrici ECD21-30, al traino di norma di due o tre rimorchi, eccezionalmente anche quattro. Queste elettromotrici sono meccanicamente ed elettricamente eguali ai locomotori, salvo il rapporto di trasmissione minore. La cassa è dotata di un compartimento bagagli centrale e di una porta pneumatica a due antine per fiancata; dalla presenza del compartimento bagagli e dall'avere corsia passeggeri di terza classe deriva la classifica ECD, che è mantenuta anche all'istituzione della classe unica su tutti i rotabili.


Elettromotrici 24, 22 (1975).

Locomotori 01-04

Per il servizio merci e per qualche treno viaggiatori la SRFN acquista quattro locomotori Bo-Bo a quattro motori, numerati 01-04. I locomotori 01, 03, 04 saranno in seguito dotati di rapporto di trasmissione 17/70 per l'effettuazione dei treni viaggiatori, mentre il locomotore 02 resterà sempre con il rapporto di origine 14/75 adatto ai treni merci.


Il locomotore 02 (1977).

Rimorchiate gr. AC51-58, C71-82 ed S101

Il parco viaggiatori della SRFN comprende in origine otto rimorchiate miste di prima e terza classe AC51-58 e dodici rimorchiate di terza classe C71-82. Simili alle elettromotrici ma dotate di tre porte pneumatiche per fiancata, due estreme a due antine e una centrale a quattro, nel 1977 sono convertite in classe unica, cambiando in C la sigla AC della numerazione. A queste rimorchiate è da aggiungere la carrozza salone S101, trasformata nel dopoguerra in vettura di prima e terza classe e rinumerata AC59, poi C59.


Rimorchiate 73 (1975), 56 (1981).


La rimorchiata ex salone 59.

Equipaggiamento elettrico del materiale motore

Locomotori ed elettromotrici hanno carrelli di tipo Brill 77-E; le rimorchiate adottano un carrello semplificato a doppia sospensione. Il sistema di comando applicato al materiale di trazione della Roma Nord è quello che ha caratterizzato la produzione del TIBB per le ferrovie secondarie nei due decenni dal 1920 al 1940. Un controller montato in posizione centrale sul rotabile, in genere in una cabina AT al centro della corsia passeggeri, provvede alla manovra del reostato ed alle operazioni di transizione serie-parallelo; questo controller è comandato dalle due cabine di guida a mezzo di un albero con giunti cardanici ed una breve catena di trasmissione; i banchi nelle cabine, oltre al caratteristico "timone" per la manovra del controller, dispongono del comando dell'invertitore che comprende anche quello dell'interruttore generale e talvolta del compressore (inserzione automatica o manuale); un indice che si muove su una scala graduata indica l'attuale posizione del controller.


Carrelli del materiale motore e delle rimorchiate SRFN.


Cabine di guida e controller di locomotori ed elettromotrici.

Treni reversibili

Nel 1959-60 le quattro motrici ECD 27-30 sono modificate dotandole di un comando indiretto per poter formare, accoppiandole a rimorchiate pilota, quattro treni reversibili; sono simultaneamente modificate le quattro rimorchiate C 79-82 trasformandole in semipilota. Questi treni reversibili sono subito utilizzati per il servizio urbano tra p.le Flaminio e Prima Porta. Successivamente altre quattro rimorchiate sono dotate del cablaggio passante per poter essere inserite tra la motrice e la rimorchiata pilota (rimorchiate attrezzate) nei treni reversibili; infine, per poter utilizzare i rotabili in banalità, tutte le restanti rimorchiate, ad eccezione della 59, sono trasformate in attrezzate.


Treno reversibile in spinta (1975) e rimorchiata pilota 79 (1980).

La trasformazione di questi rotabili segue lo schema adottato nell'immediato dopoguerra per l'analoga trasformazione dei locomotori della ferrovia Roma-Lido, equipaggiati con un comando diretto del tutto simile a quello del materiale motore della SRFN. E' mantenuto il combinatore centrale, ma il dispositivo di comando meccanico a mezzo di catena di trasmissione dalle cabile di guida è sostituito da un servomotore pneumatico a comando elettrico, le elettrovalvole del quale sono comandate tramite un relè di accelerazione, ottenendosi un sistema ad avviamento automatico.

Nella modifica dei rotabili sono stati seguiti i seguenti criteri:

Di conseguenza, non avendosi sulla linea la possibilità di girare i rotabili, la composizione dei treni reversibili è stata sempre la stessa, con la motrice lato Viterbo.

Le rimorchiate della Società Veneta

Nel 1955 la SRFN acquista dalla Società veneta per la costruzione ed esercizio di ferrovie secondarie italiane undici carrozze con cassa a doghe di legno per servizio viaggiatori. Dopo una prova iniziale con la rimorchiata 175, sono acquistate altre dieci vetture che entrano in servizio con i loro numeri originari aggiungendovi il prefisso C; sono modificate con il montaggio degli organi di aggancio e repulsione FS utilizzati dalla SRFN, delle porte di intercomunicazione di servizio e degli accoppiatori elettrici per i circuiti luce e ausiliari. Faranno servizio fino al 1969.


Rimorchiata 169 (1975).


Il primitivo carrello delle carrozze ex SV, con unico stadio di sospensione.

Rotabili di altre amministrazioni che sono stati presenti sulla SRFN

Oltre alle rimorchiate della SV, sulla SRFN sono state presenti una rimorchiata pilota della MUA ed una rimorchiata della Roma-Lido nel 1982, in esperimento per una eventuale acquisizione.


La rimorchiata 231 della STEFER, Roma-Lido; una ex rimorchiata pilota della MUA.

Materiale motore e rimorchiato SRFN, 1932-1976

anno costruzione 1932 1931-32
numeri esercizio 01-04 ECD
21-30
AC51-58,
C71-82#
AC59*
(ex S101)
162 C163-166,
168-170, 175
C167, 171
rotabile locomotore elettromotrice rimorchiata rimorchiata ex SV
quantità 4 10 20 1 1 8 2
parte meccanica Officine meccaniche Della Stanga
equipagg. elettrico TIBB -
rodiggio Bo-Bo 2-2
lunghezza mm 10550 16310 16390 16350 16550 16400 16200
passo carrelli mm 2300 2400 1700
interperno mm 5000 10000 10000 9600 7400
tara t 42 44 26 da 15 a 17
motori -
potenza CV 4x171 -
comando diretto** -
freni automatico

* Ex vettura salone.
** Motrici 27-30 modificate con comando indiretto per treni reversibili con rimorchiata pilota nel 1959-60.
# Rimorchiate 79-82 trasformate in semipilota nel 1959-60.

Carri merci e di servizio

Il parco merci della SRFN comprende in origine i carri chiusi G101-125, i carri a mezze sponde L201-245, i pianali P301-316 e i carri di manutenzione P317, P318 e P401-409.

Carri merci e di servizio SRFN

anno costruzione 1932
numeri esercizio G101-125 L201-245 P301-316 P317,318 P401-409
rotabile carro chiuso carro aperto pianale bilico servizio
quantità 25 45 16 2 9
rodiggio 2
tara t 10,45 9,45 8,8
portata t 18 19 19 19 18
freni carri con numero dispari: con freno continuo e a mano,
carri con numero pari: con sola condotta del freno

Immagini addizionali

I rotabili 1932 della ferrovia Roma-Viterbo

____________

(*) Dal 1956 con la soppressione della terza classe sulla rete europea.


Home Page presentazione indice SRFN

rev. D 20/10/18