tram e trasporto pubblico a Roma

Rotaie perdute

Nel quartiere di Monteverde Vecchio, 1918-1936

 

Anno 1918

17 gennaio

La SRTO apre la linea 25, prima linea tramviaria per Monteverde Vecchio; la linea si dirama dal preesistente binario lungo il viale del Re (oggi v.le di Trastevere) in corrispondenza della via Emilio Morosini, prolungandola subito dopo a largo Berchet. Dalla diramazione da viale del Re al capolinea la linea è tutta a binario semplice.

Un precedente progetto della SRTO (1913) prevedeva la diramazione dal viale del Re per le vie Tavani (oggi v. Cardinale Merry del Val) e Natale del Grande, oltre ad un diverso tracciato in Monteverde per le vie Calandrelli e Nicola Fabrizi.

Anno 1921

La linea 25 passa in gestione alla ATM (ord. serv. ATM dell'8 agosto: solo vetture con motori GE249 in servizio sul 25).

Anno 1924

La linea 25 è prolungata in Monteverde Vecchio:

Anno 1926

6 giugno

Con l'abolizione del capolinea tramviario di piazza Venezia il capolinea del 25 è spostato a piazza Barberini;

1° dicembre

La linea è prolungata a via Piemonte:


Il 25 a largo Arenula (motr. 445) e in via S. Nicolò da Tolentino (motr. 957)

Anno 1927

Si procede al raddoppio del binario a partire dalla diramazione da viale del Re. Data la difficoltà di installare un doppio binario nello stretto e tortuoso viale XXX Aprile, si costruisce una variante che, diramandosi dalla esistente linea in viale Glorioso, passa per le vie N. Fabrizi e Calandrelli e, attraverso un nuovo fornice appositamente praticato nelle mura, si innesta in via Mura Gianicolensi sul precedente tracciato. Il capolinea a via A. Poerio resterà sempre tronco, ciò che impedirà l'impiego di rimorchiate sulle due linee.


Linee a Monteverde Vecchio, da uno schizzo dell'ATAG

20 settembre

La linea 25 è instradata sui nuovi binari di v. N. Fabrizi e v. Calandrelli

Alla stessa data è istituita la linea 50, da p.della Chiesa Nuova a Monteverde.


Motrici della linea 25 a v. Nazionale (motr. 891) e a p. Venezia (motr.907).

Anno 1928

8 maggio

La linea 25 è prolungata in Monteverde oltre l'attuale capolinea in v. A. Poerio, altezza v. F.D. Guerrazzi, all'incrocio di v. A. Poerio con v. G. Cavalcanti.

15 luglio

E' soppressa la linea 50.

27 novembre

E' istituita la linea 25 rosso, instradata sull'itinerario v. XXX Aprile, v. Masina, p.ta S. Pancrazio.

Anno 1930

1° gennaio

Con la riforma tramviaria le linee 25 e 25 rosso sono rispettivamente rinumerate 29 e 31 e limitate, al lato centro, al ponte Garibaldi; mentre la 29 seguita a percorrere, entro Monteverde, il tracciato della ex 25, la 31 è limitata a via delle Mura Gianicolensi, all'incirca in corrispondenza dell'originario capolinea della 25 SRTO. In epoca successiva non precisabile la 29 è prolungata per un certo tratto di via A. Poerio.

Anno 1933

16 gennaio

La linea 31 è prolungata da p.ta S. Pancrazio lungo la v. delle Mura Gianiocolensi, fino all'intersezione con la v. Calandrelli.

Anno 1935

1° febbraio

La linea 31 è rinumerata 29 barrato; è modificato l'itinerario al capolinea di p.ta S. Pancrazio, con un percorso ad anello per via Calandrelli e v. N. Fabrizi.

Anno 1936

8 luglio

Il 29 e il 29 barrato sono prolungati da ponte Garibaldi per il lungotevere dei Cenci fino a piazza Monte Savello.


In via Calandrelli e in v.le del Re (linea 29, motr. 769).

Anno 1939

1° gennaio

E' istituita la linea filoviaria 129; le linee tramviarie 29 e 29 barrato sono soppresse.

Nel 1951 la linea filoviaria 129 sarà rinumerata 44, perdendosi così ogni traccia delle linee tramviarie di Monteverde.


Il secondo fornice nelle mura gianicolensi e la linea in v. Calandrelli.


Il binario semplice in v. le XXX Aprile e vista da v. U. Seni.


Home Page presentazione rete tramviaria rotaie perdute

rev. A 18/05/17