tram e trasporto pubblico a Roma

Impianti filoviari

Caratteristiche costruttive di nuovi impianti filoviari, anno 1942

 

Da ordine di servizio ATAG 217 del 14 aprile 1942

Il giorno 14 marzo 1942 sono stati collaudati favorevolmente dall'Ispettorato compartimentale della motorizzazione civile e dei trasporti in concessione gli impianti filoviari qui di seguito elencati.

localitā oggetto lunghezza bifilare scambi* note fig.
l.go Argentina Allacciamento impianti all'altezza del l.go Arenula e v. di Torre Argentina-l.go Argentina-c.so Vitt. Emanuele, lato S. Pietro, per permettere il regresso a vetture provenienti da c.so Vitt. Emanuele, lato S. Pietro (1). 80 m ragguagliati a semplice bifilare. Due scambi A e due B di nuovo impianto.   1
p. Risorgimento Allacciamento impianti v. Ottaviano-v. Cola di Rienzo e p. Risorgimento-v. di p.ta Angelica; allacciamento delle linee provenienti da v. Leone IV; sistemazione del bifilare nella partita carrabile centrale della piazza con svolta verso v. Cola di Rienzo. 80 m ragguagliati a semplice bifilare. Due scambi A e due B di nuovo impianto.    
p. Mazzini Chiusura parziale dell'anello filoviario nel tratto prospiciente v.le Mazzini (lato v. A. Brofferio) per permettere l'inversione di marcia a vetture provenienti da v. Settembrini. 73 m di semplice bifilare. Tre scambi A e tre B; soppressione di uno scambio A. Per le modalitā di
esercizio ved. o.s.86 del 9 febbraio 1942.
 
p. Maresc. Giardino Anello filoviario per consentire l'inversione di marcia a vetture provenienti da p. Risorgimento. 205 m di semplice bifilare. Uno scambio A ed uno B. Per le modalitā di esercizio ved. o.s.411 del 4 novembre 1941.  
p. Acilia Raccordo tra gli impianti di p. Acilia e quelli di v. Lucrino. 28 m di bifilare semplice. Uno scambio A ed uno B. Schema impianto.  
p. dei Cinquecento Raccordo all'altezza della ex dogana per consentire alle vetture provenienti da p. Indipendenza di instradarsi sul bifilare di v. Marsala, dopo aver percorso l'anello di p. dei Cinquecento (2). 20 m. Uno scambio A ed uno B. Per le modalitā di esercizio ved. o.s. 458 del 7 dicembre 1941. 6
p. Cola di Rienzo Completamento del triangolo all'altezza di v. Cicerone. 60 m di bifilare semplice. Due scambi A e due B.    
p. del Popolo Raccordo tra gli impianti di p. del Popolo (linea EF) e quelli di v. Ferdinando di Savoia (linea 137) e chiusura dell'anello in provenienza v. del Babuino. 431 m ragguagliati a semplice bifilare. Uno scambio A (p. del Popolo lato p.ta del Popolo).
Uno scambio A ed uno B (p. del Popolo lato v. Ferd. di Savoia).
Uno scambio B (p. del Popolo lato v. del Babuino).
Uno scambio A (lato v. Maria Adelaide) ed uno B.
   
p. Indipendenza Raccordo tra l'impianto di p. Indipendenza, altezza v. dei Mille, e quelli di v. Goito per permettere la svolta verso v. Goito alle vetture provenienti da v. Solferino senza percorrere il semi anello della piazza. 59 m di bifilare semplice. Uno scambio A ed uno B. 9
Raddoppio del bifilare sul lato destro della piazza per le vetture dirette verso v. Solferino, tratto tra v. Castelfidardo e v. Goito. 47 m di bifilare semplice. Uno scambio A ed uno B.

*Notazioni scambi: A, scambio elettrico automatico di entrata; B, scambio meccanico di uscita; (risp. triangolo rosso e triangolo grigio negli schemi di instradamento).

Le modalitā tecniche sono analoghe a quelle degli altri impianti consimili in esercizio, come qui di seguito indicato:

Nei punti dove č stato necessario assicurare la continuitā elettrica della linea si č provveduto con ponticelli di treccia di rame opportunamente supportati.

Il funzionamento degli scambi precedentemente citato č quello giā in uso sulle linee filoviarie dell'azienda (o.s. 837 del 29 ottobre 1937): per azionare lo scambio occorre transitare con i motori inseriti, mentre per non azionarlo i motori devono essere disinseriti. Una apposita tabella sospesa ai trasversali indica la direzione di predisposizione dello scambio (ossia la direzione per la quale i motori devono essere disinseriti).

L'alimentazione elettrica delle nuove tratte č data attraverso gli impianti esistenti ed alla sua attivazione č stato provveduto con personale e mezzi aziendali; l'allestimento della linea di contatto č stato eseguito per i raccordi:

_______________________

(1) L'instradamento mostrato dallo schema sembra essere l'unico che soddisfi a quanto descritto nell'o.s., ma occorre supporre giā presente il raccordo a tra v. Florida e v. Torre Argentina.
(2) Il testo dell'o.s. non č chiaro: una vettura proveniente dall'anello di fronte alla stazione accederebbe a via Marsala dalla curva giā presente, percorsa dalle linee M1P e successivamente MB; il testo corretto potrebbe essere: "per evitare che le vetture provenienti da p. Indipendenza debbano percorrere l'anello di p. dei Cinquecento per immettersi in v. Marsala", ma in tal caso occorrerebbe un raccordo anche sull'altro bifilare per tornare a p. Indipendenza.


Home Page presentazione rete filoviaria

rev. A 18/05/19