tram e trasporto pubblico a Roma

Ferrovia a corrente alternata Roma-Frosinone

Equipaggiamento elettrico materiale motore

 

Linea e rotabili.

Caratteristiche elettriche linea e rotabili:

Schema generale dei circuiti di comando e trazione.

Lo schema sopra riportato relativo alle automotrici a quattro motori e, probabilmente, anche ai locomotori; nulla si sa per le automotrici a due motori.


Schema semplificato di inserzione di un motore; inserzione del motore nelle 6 posizioni di marcia.

Dallo schema generale, poco comprensibile, stato ricavato lo schema di inserzione di uno dei quattro motori, sopra riportato (fig. a sinistra); del tutto analogo per gli altri motori. Questo circuito tipico delle prime elettrificazioni in c.a. monofase della AEG ed molto simile a quello utilizzato sulle automotrici della Padova-Fusina (1910) e sulle motrici doppie della Altona-Blankenese. Il trasformatore principale T alimentato sul primario dalla linea a 11.000 V oppure sul secondario nei tratti a 600 V; in quest'ultimo caso il primario escluso e il trasformatore funziona da autotrasformatore; ogni motore alimentato in serie ad un trasformatore di eccitazione (T1-4), che ne alimenta le spazzole di eccitazione a corrente crescente dalle pos. 1-3 del graduatore alle 4-6. Nelle pos. 1-3 del graduatore G prelevata la tensione presente risp. sulla prima, seconda e terza presa sul secondario di T; attraverso le connessioni interne a del controller il circuito si chiude sull'avvolgimento di campo F del motore e attraverso le b sulla parte f-h del trasformatore di eccitazione T1 (trasformatore serie): l'indotto A del motore, collegato dall'invertitore INV, e il campo di eccotazione Fc sono quindi alimentati dal tratto e-h di T1; il circuito si chiude in 0 su T1. Viceversa, nelle posizioni 4-6 di G, T1 alimentato sulla tratta d-h. Oltre a ci, nell'ultima posizione di marcia, la 6, la presa g di T1 collegata all'inizio di T (presa 0), col che il circuito di trazione per il motore si configura come sullo schema a destra.


Schema per la Padova-Fusina.

Interruttore generale automatico e commutatore di tensione di linea.

Lo schema riporta il commutatore di tensione. Il commutatore non mostra alcun dispositivo di azionamento e potrebbe essere comandato a mano o tramite un servomotore pneumatico; il tamburo G, dalla posizione di riposo indicata nella figura nella quale il rotabile non alimentato, pu essere ruotato di 90 in senso orario o antiorario, chiudendo, tramite la slitta C, i contatti A o B, predisponendo il rotabile alla marcia sotto 11.000 o 600 V rispettivamente. In entrambe le posizioni il tamburo bloccato dall'arpionismo N che si inserisce nelle tacche n, tenuto in posizione dalla propria bobina eccitata dalla bassa tensione; la bobina pu essere disalimentata, con conseguente riporto del tamburo in posizione centrale e apertura dell'alimentazione, se manca la tensione (trolley sotto la zona neutra) o per intervento dei rel di massima r alimentati dai trasformatori di corrente ta1 e ta2. L'arpionismo M alimentato dalla linea tramite il trasformatore di tensione tv e la relativa bobina tarata per intervenire solo se tv alimentato da 11.000 V, ma resta inattiva se alimentato da 600 V; nel primo caso, bloccando il tamburo nella tacca m, ne impedisce la rotazione in senso antiorario e quindi la predisposizione del rotabile per la b.t., fintanto che presente l'alta tensione.


Home Page presentazione ferrovia Roma-Fiuggi

rev. A 09/02/17