tram e trasporto pubblico a Roma

Brevetti

M. Cattori. Alimentazione linea di contatto

 

Brevetto US 526963 del 2-X-1894.

La linea di contatto è formata dai due conduttori f, g di tipo qualsiasi: fili aerei, rotaie di corsa, un filo e una rotaia; sono suddivisi in sezioni tra loro collegate da sezionatori s, che saranno indicati in rosso se chiusi, in bianco se aperti; i fili di linea sono alimentati dal generatore a corrente costante G in serie a due commutatori di estremità K, K'. Sezionatori e commutatori possono essere comandati a mano da appositi agenti o automaticamente dalle motrici in transito (almeno secondo l'inventore); devono assumere varie configurazioni a seconda del numero di motrici circolanti in linea, come dagli esempi che seguono.

Schema a), una motrice in circolazione: su uno dei fili, ad es. f, devono essere chiusi tutti i sezionatori che seguono la motrice; sull'altro filo, g, tutti quelli che la precedono. I commutatori K e K' vanno posti, nell'esempio, su f, risp. su g.

Schema b), due motrici in circolazione: le sezioni, una o più, che collegano in serie le due motrici devono avere i sezionatori chiusi, mentre su uno stesso filo, nell'es. f, devono essere chiusi i sezionatori che seguono o precedono le motrici, ma non quelli che si trovano tra le motrici. I commutatori K, K' vanno posti sullo stesso filo, nell'es. f.

Schema b), tre motrici in circolazione: i sezionatori devono configurare la catena di motrici in serie, nell'es. f, g, f, g; i commutatori K, K' devono essere posti l'uno sul filo f e l'altro sul g.

Osservazioni.

  1. La regola è generale: per motrici circolanti in numero dispari i commutatori K, K' vanno posti in posizioni opposte; per motrici in numero pari in posizioni corrispondenti.
  2. I sezionatori corrispondenti (cioè che occupano la stessa posizione sui due fili) risultano sempre in posizioni alterne: uno chiuso e l'altro aperto.

Sono sopra riportati i disegni allegati al progetto. Le figg. 1 e 2 corrispondono allo schema generale e allo schema b) (due motrici) sopra riportati (i sezionatori chiusi hanno il ponticello completo, quelli aperti lo hanno interrotto). Nelle figg. 3, 3a, 3b è mostrato un tipo di comando per i sezionatori che, in base all'osservazione 2, sono azionati simultaneamente in coppie, l'uno chiuso e l'altro aperto; analogamente nelle figg. 4 e 5. Nella fig. 4 è anche accennata una specie di croce di malta (k, all'estrema destra) che dovrebbe permettere il comando automatico dei sezionatori al passaggio delle vetture; la fig. 5 si riferisce all'alimentazione tra filo aereo e una rotaia di corsa (una serie di sezionatori agisce sul filo, l'altra serie sulla rotaia).

Nota. - La possibilità di sezionare per l'alimentazione una o entrambe le rotaie di corsa è una pia illusione del Cattori: con l'elevata tensione richiesta dall'alimentazione in serie (ad es. 850 V nell'impianto di via Flaminia), nessun isolamento è possibile con mezzi semplici tra le rotaie e la terra, anche se l'inventore ci indica la via per isolare una rotaia (fig. 4a nella seconda tavola: ma in realtà non indica niente).

Lo stesso brevetto contiene inoltre la rivendicazione per una linea di contatto in condotto sotterraneo che non presenta particolare interesse, essendo una ennesima riedizione dei numerosi tipi di analoghi dispositivi francesi.

Alimentazione della linea da due sorgenti

Caso di una linea divisa in due tratte, alimentate da generatori separati.

Schema a). Ogni tratta è dotata dei propri commutatori di estremità K1, K1' e K2, K2'. Sulla sezione di sinistra è presente una vettura V alimentata con i commutatori K1 sul filo 1 e K1' sul 2; la sezione di destra, non essendovi presente alcuna vettura, è cortocircuitata dai commutatori K2 e K2' sul filo 1. Il conducente della vettura proveniente dalla tratta di sinistra è tenuto a togliere alimentazione ai motori (cortocircuitandoli) in corrispondenza del segnale S1, procedendo poi per spinta fino ad impegnare la tratta di destra.

Schema b). Passata la vettura oltre S1, un agente provvede a spostare il commutatore K1' da 2 in 1 cortocircuitando la tratta a sinistra. Il commutatore va manovrato dopo S1 ma non oltre il termine della linea per evitare di lasciare la stessa aperta, arrestando altre eventuali vetture in circolazione.

Schema c). Giunta la vettura nella tratta di destra, l'agente sposta il commutatore K2' da 1 in 2, togliendo il cortocircuito alla tratta e alimentando la vettura che può ripartire.


Home Page arg. carattere generale tecnica della locomozione e trazione elettrica brevetti  

rev. B 17/03/19